Un articolo interessante, dove si parla di conversational marketing

Una articolo sul blog di Jim Tome, The truths behind conversational marketing.

Annunci

Alla ricerca di informazioni sul marketing dell’ascolto

Girovagando nel web, sempre alla ricerca di informazioni sul conversational marketing, ho scoperto che: I say blog ha aperto una nuova sezione dedicata al marketing dell’ascolto: qui il link, e che il suo primo articolo riguarda il così detto Green Marketing, un aspetto molto sentito dai consumatori dato l’enomre impatto  che le aziende, sopratutto le grandi, hanno sull’ambiente si tende a prediligere prodotti ecosostenibili ed ecologici… e così è partita la corsa alle campagnie ecologiche… addirittura ENI si è prodigata per raccogliere il consenso di questo “nuovo popolo” di consumatori che “simpatizza per il verde”.

La corsa al verde c’è, avrà sicuramente un riscontro, ma difficile dire se alla lunga sarà positivo o meno…

L’articolo di I say blog che descrive più in dettaglio il caso ENI si trova qui: il Green Marketing di ENI.

Da oggi nella “scatola” apro una nuova categoria dedicata al Green Marketing.

Ancora un sito per lo scambio link

Ho scovato un sito per lo scambio link, interessante, per quanto ormai i più sanno che lo scambio link non è così vantaggioso, il sistema che utilizza questo sito, è molto vantaggioso per il sito stesso e non particolarmente per chi prorpone link… il sito consiste in un archivio di parole, correlate tra loro semanticamente, con una descrizione e dei commenti per ogni termine, su cui è possibile ricavare dei contenuti tematizzati… insomma una specie di directory un po più evoluta… ne parlo solo perchè ci sono arrivato sempre per via del mio interesse per il conversational marketing. il sito è linkedwords.com, e la pagina che ha attirato il mio interesse è questa: conversational marketing campaigns.

Misurare i ritorni del social media marketing

Con un intervento raccolto in tre post Andrea Colaianni di WoMarketing (word of mouth, altra espressione per indicare il conversational marketing) descrive rapidamente cosa poter fare per tenere d’occhio gli interventi nei social network. i post sono:

Monitorare le conversazioni online il bad buzz esiste parte 1
Monitorare le conversazioni online il bad buzz esiste parte 2
Monitorare le conversazioni online il bad buzz esiste parte 3